Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Azione di rescissione per lesione nella divisione effettuata dal testatore



L'art. 763 cod.civ. prevede in generale che la divisione concernente i beni ereditari possa essere rescissa quando taluno tra i coeredi dia la prova di essere stato leso oltre il quarto rispetto alla misura della quota spettantegli nota1. Il II comma della norma citata estende il rimedio in discorso specificamente alla divisione effettuata dal testatore.

L'azione di rescissione è ammissibile evidentemente solo quando si possa avere un raffronto fra l'entità della quota assegnata ed il riparto dei beni (Cass. Civ. Sez.II, 6449/08 ). Ciò conferma la necessità di una previa istituzione di quota anche nella divisione fatta dal testatore nota2. Qualora infatti non sussistesse l'indicazione di una quota astratta, successivamente concretata dal testatore in beni specifici, non sarebbe possibile operare un raffronto tra la valorizzazione dei singoli cespiti assegnati e la misura delle quote. Vi è di più: quando il testatore si fosse limitato a distribuire i beni senza indicare la quota a ciascuno spettante, la fattispecie dovrebbe essere qualificata nell'ambito dell'art. 588 cod.civ. come institutio ex re certa. La praticabilità della rescissione ne sarebbe assolutamente pregiudicata, in quanto le quote di ciascun coerede potrebbero essere eventualmente ricavate solo a posteriori, da una valutazione dei beni singolarmente assegnati a ciascuno. E' appena il caso di segnalare che rimarrebbero comunque esperibili ulteriori iniziative (es.: azione di riduzione) a tutela dei diritti del legittimario eventualmente leso dalla ripartizione dei beni operata dal de cuius nota3.

Note

nota1

V. Pelaggi, Divisione ereditaria ed azione di rescissione, in Giur. agraria it., vol.I, 1975, pp.12 e ss..
top1

nota2

Così, tra gli altri, Amadio, La divisione del testatore, in Successioni e donazioni, a cura di Rescigno, vol. II, Padova, 1994, p.99. Il rimedio rescissorio avrà proprio la funzione di risolvere "l'intima contraddizione" tra volontà relativa alla porzione e volontà relativa alla quota (Forchielli, Della divisione, in Comm.cod.civ., a cura di Scialoja-Branca, Bologna-Roma, 1978, p.524).
top2

nota3

Cfr. Mengoni, La divisione testamentaria, Milano, 1950, p.174; Gazzara, voce Divisione ereditaria (dir. priv.), in Enc. dir., p.437.
top3

Bibliografia

  • AMADIO, La divisione del testatore, Padova, Successioni e donazioni a cura di Rescigno, vol. II, 1994
  • FORCHIELLI, Della divisione: art. 713-768: libro secondo - delle successioni, Roma, Delle successioni, 1978
  • GAZZARA, Divisione ereditaria, Enc.dir.
  • MENGONI, La divisione testamentaria, Milano, 1950
  • PELAGGI, Divisione ereditariaed azione di rescissione, Giur.agraria it., I, 1975

News collegate

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Azione di rescissione per lesione nella divisione effettuata dal testatore
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Azione di rescissione per lesione nella divisione effettuata dal testatore"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto