Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Atto notarile del cieco - intervento assistente, partecipante




Gli articoli 3  e 4  della legge n.18 del 1975 regolamentano l'intervento di due soggetti (assistente/testimone e partecipante alla redazione dell'atto), designati dal cieco, che possono o devono partecipare all'atto nel caso in cui il cieco sappia o meno sottoscrivere il documento (anche col crocesegno).

Tutta la problematica connessa all'intervento in atto pubblico di tali comparenti deve ritenersi radicalmente  eliminata dalle recenti sentenze della Corte di Cassazione (Cass. Civ. Sez. III, 12437/97 ; Cass. Civ. Sez. II, 4344/2000 ; Cass. Civ.15326/01  ).

La sancita inapplicabilità delle norme della legge n.18 del 1975 , in caso di atto ricevuto dal notaio, determinano l'inutilità di tutte le questioni sorte in merito al ruolo in atto di detti soggetti.

La funzione di quest'ultimi, come definita dalla legge, vale unicamente per quei rapporti negoziali in cui non é prevista o necessaria la partecipazione del notaio, il quale col suo intervento garantisce in maniera piena ed idonea tutte le parti, compreso il non vedente, senza l'ausilio o la collaborazione di altro soggetto.

News collegate

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Atto notarile del cieco - intervento assistente, partecipante
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Atto notarile del cieco - intervento assistente, partecipante"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto