Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Associazione riconosciuta: patrimonio e responsabilità



Ai sensi dell'art. 16 cod.civ. le associazioni riconosciute hanno un patrimonio nota1.

Gli atti di disposizione del patrimonio non richiedono il consenso unanime degli associati. L'assemblea delibera infatti a maggioranza e gli amministratori possono compiere, nell'ambito delle proprie attribuzioni, atti che producono effetti sul patrimonio associativo.

Alla perfetta autonomia patrimoniale, che è propria dell'associazione riconosciutanota2, segue che delle obbligazioni assunte risponda unicamente l'ente con tutto il suo patrimonio, con l'esclusione di ogni responsabilità per i singoli associati.

E' importante sottolineare che questa limitazione di responsabilità, un tempo conseguente all'effettuazione della formalità della registrazione della persona giuridica nell'apposito registro di cui all'abrogato art. 33 cod.civ. è attualmente diretta conseguenza del riconoscimento nota3.

L'effettuazione della pubblicità possiede, in esito alla riforma introdotta dal D.P.R. 361/00 efficacia costitutiva, analogamente a quanto accade con l'iscrizione nel registro delle imprese per le società di capitali. La personalità giuridica dell'associazione sorge infatti in esito al riconoscimento determinato dall'iscrizione nel registro delle persone giuridiche (art.1 D.P.R. 361/00). Non è più configurabile un intervallo temporale tra effettuazione della formalità pubblicitaria e provvedimento di riconoscimento.

Note

nota1

Se del patrimonio fanno parte beni produttivi di frutti, il ricavato, non potendo essere diviso fra gli associati stessi, dovrà servire ai fini dell'associazione o incrementerà lo stesso patrimonio. Cfr. Bianca, Diritto civile, vol. I, Milano, 1990, p.324. Gli eventuali versamente effettuati a fondo perduto dagli associati non possono essere considerati nè ricavi, nè sopravvenienze attive: cfr. Cass. Civ., Sez. Trib., 22263/11.
top1

nota2

V. Santoro Passarelli, Dottrine generali del diritto civile, Napoli, 1997, p.39.
top2

nota3

Si vedano, tra gli altri, relativamente alla abrogata disciplina Ferrara, Le persone giuridiche, in Tratt. dir. civ. it., diretto da Vassalli, Torino, 1956, p.396; Galgano, Diritto privato, Padova, 1994, p.616; Bianca, op.cit., p.292. Non è più possibile trarre argomentazioni dalla previsione dell'insorgenza di una responsabilità personale e solidale degli amministratori dell'ente, pur in esito al riconoscimento. Quest'ultimo segue infatti all'intervenuta iscrizione.
top3

Bibliografia

  • GALGANO, Diritto privato, Padova, 1994
  • SANTORO PASSARELLI, Dottrine generali del diritto civile, Napoli, 1997
  • BIANCA, Diritto civile, vol. I, Milano, 1990

News collegate

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Associazione riconosciuta: patrimonio e responsabilità
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Associazione riconosciuta: patrimonio e responsabilità"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto