Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Associazione non riconosciuta: l'atto costitutivo, la forma



L'atto costitutivo di un'associazione priva di riconoscimento possiede la stessa natura di quello inteso a dare vita all'associazione quando essa aspiri al conseguimento della personalità giuridica: si tratta di un contratto contraddistinto dalla comunanza dello scopo dei contraenti.

Nessun particolare onere di forma è a tal proposito richiesto dalla legge, salva ovviamente l'esigenza della forma scritta ad substantiam in relazione ad eventuali apporti immobiliari in proprietà o in godimento ultranovennale (art. 1350 , nn. 1 e 9, cod.civ.). Si ammette, conseguentemente, che l'atto costitutivo di un'associazione non riconosciuta possa essere concluso anche verbalmente e che la prova dell'esistenza di esso possa essere data anche per testi o per presunzioni (Cass. Civ. 2601/86 ) nota1.

Note

nota1

Cfr. Bianca, Diritto civile, vol. I, Milano, 1990, p.336; Gazzoni, Manuale di diritto privato, Napoli, 1996, p.160; Galgano, Diritto privato, Padova, 1994, p.618; Persico, Associazioni non riconosciute, in Enc. dir., p.883; Rubino, Le associazioni non riconosciute, Milano, 1952, p.73.
top1

Bibliografia

  • PERSICO, Associazioni non riconosciute, Milano, Enc.dir.

Prassi collegate

  • Quesito n. 185-2014/A, Austria – enti: costituzione di associazione regolata dalla legge italiana con sede in Austria

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Associazione non riconosciuta: l'atto costitutivo, la forma
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Associazione non riconosciuta: l'atto costitutivo, la forma"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto