Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Appello di Roma del 1999 (24/03/1999)


Qualora si verifichi la rovina di unità immobiliari urbane, non ha rilevanza l'epoca in cui furono estrinsecati i comportamenti apportatori del crollo, rispondendone il proprietario di esse al tempo della rovina, posto che su quest'ultimo grava l'onere di eseguire le manutenzioni per eliminare le anomalie anche se risalenti nel tempo. Qualora, poi, l'edificio consti di vetuste strutture portanti, sottoposte a sollecitazioni continue del traffico e della esecuzione di lavori nelle zone limitrofe, sicché una qualsiasi causa scatenante ne determini la rovina, per ovviare a questa, tutti i proprietari del condominio sono tenuti a eseguire le opere di manutenzione.

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Appello di Roma del 1999 (24/03/1999)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto