Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Appello di Roma del 1950 (21/01/1950)


Ai sensi dell’art. 742 cod. proc. civ. è inopponibile ai terzi di buona fede non solo la revoca o la modifica del provvedimento di volontaria giurisdizione, ma anche la nullità dovuta a violazione di requisiti prescritti dalla legge (incompetenza territoriale del Giudice tutelare, difetto di rappresentanza o di autorizzazione, mancata osservanza di condizioni, ecc.); la tutela del terzo trova i suoi limiti unicamente nella inesistenza dell’atto del vol. giur. (ossia nullità assoluta per mancanza di requisiti intrinseci od estrinseci essenziali).La mala fede del terzo non sussiste se questi ha omesso di accertare i requisiti di legittimità dell’atto, o se conosce i vizi del provvedimento, ma sussiste solo se l’attività del terzo si inserisce nel processo formativo dell’atto, o se egli è consapevole di tale attività svolta dalla parte. Questo significato della parola mala fede coincide col significato tecnico desumibile dall’art. 1147 cod. civ..La buona fede si presume.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Appello di Roma del 1950 (21/01/1950)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto