Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Appello di Napoli del 1993 (29/01/1993)


Il principio affermato in materia di società per azioni secondo il quale le clausole di gradimento introdotte all' unanimità negli statuti possono essere poi modificate anche a maggioranza, non trova automatica applicazione in tema di società a responsabilità limitata, in considerazione del carattere personalistico proprio di tale tipo di società che tende a configurarle come un ristretto gruppo di soci all' interno del quale l' identità personale di ciascuno acquista una rilevanza particolare e determina il consenso degli altri .In tema di società a responsabilità limitata, privilegiando la natura sostanziale della clausola e la sua ratio, quale espressione di pattuizione negoziale tra i soci, pur se formalmente inserita nello statuto, va ritenuta la sua immodificabilità a maggioranza assembleare in quanto all' organo assembleare difetta la legittimazione ad incidere sui diritti individuali dei soci.

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Appello di Napoli del 1993 (29/01/1993)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto