Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Appello di Cagliari del 1995 (15/05/1995)


Stipulato un contratto di mutuo ipotecario tra un soggetto ed altro soggetto che aveva dichiarato false generalità (anche in sede di acquisto dell'immobile ipotecato) e proposta dal mutuante azione esecutiva ipotecaria a seguito dell'inadempienza dell'altro contraente, il mutuante, accortosi dell'erronea indicazione dell'identità della controparte, può esperire azione risarcitoria contro il notaio per la sua negligenza nell'accertamento della identità delle parti. In particolare, è da ritenersi sussistente l'interesse ad agire contro il notaio, indipendentemente dalla attualità della pretesa risarcitoria, di cui può sempre essere riconosciuta la astratta fondatezza.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Appello di Cagliari del 1995 (15/05/1995)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto