Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Annullabilità per incapacità legale



Appare cosa assolutamente scontata che l'atto posto in essere dal soggetto legalmente incapace sia invalido.

In tema di matrimonio da un lato l'art. 117 cod.civ. riferisce dell'impugnabilità dell'atto contratto con violazione di alcune norme dello stesso codice, tra le quali l'art. 84 cod.civ., che prevede il raggiungimento della maggiore età; dall'altro l'art. 119 cod.civ. prescrive invece, per il matrimonio contratto dall'interdetto per infermità di mente, che la relativa azione spetti al tutore, al pubblico ministero e da tutti coloro che abbiano un interesse legittimo.

In materia testamentaria l'art. 591 cod.civ. viene implicitamente a negare la capacità di testare per coloro che sono dichiarati incapaci.

Per quanto infine riguarda il contratto, la disciplina posta dalla legge non fa menzione di alcun particolare requisito ai fini della caducazione dell'atto negoziale: è sufficiente, in altre parole, che sussista la causa di incapacità legale (minore età, interdizione legale o giudiziale) perchè il contratto risulti annullabile: cfr. I° comma art. 1425 cod.civ.nota1. Fa eccezione l'ipotesi di cui all'art. 1426 cod.civ., in cui il minore abbia dolosamente occultato all'altro contraente la propria condizionenota2.

Giova da ultimo rilevare come, in tema di amministrazione di sostegno sia dettata una normativa speciale (art.412 cod.civ.) intesa a prescrivere l'annullabilità degli atti compiuti dal beneficiario o dall'amministratore di sostegno che violino norme di legge o le disposizioni date al riguardo dal giudice o ancora che siano compiuti eccedendo rispetto all'oggetto dell'incarico ovvero ai poteri conferiti dal giudice.

Note

nota1

Cfr. Messineo, Annullabilità e annullamento (dir. priv.), in Enc. dir., II, 1958, p.473.
top1

nota2

Si veda Rescigno, Pregiudizio e malafede nei contratti dell'incapace non dichiarato, in Giur. compl. Cass. Civ., II, 1951, p.153 e ss..
top2

Bibliografia

  • MESSINEO, Annullabilità e annullamento, Enc.dir., II, 1958
  • RESCIGNO, Pregiudizio e malafede nei contratti dell'incapace non dichiarato, Giur.compl. Cass.Civ., II, 1951

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Annullabilità per incapacità legale
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Annullabilità per incapacità legale"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto