Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Annullabilità del contratto plurilaterale



Quando si tratta di contratto plurilaterale, l'annullamento di esso nei confronti di una parte non fa cadere l'intero contratto. In altri termini il venir meno del vincolo di una della parti non coinvolge necessariamente anche le altre. Ciò a meno che la partecipazione afferente al rapporto viziato debba, in relazione alle circostanze, considerarsi essenziale nota1: tale cioè che, senza di essa, neppure le altre parti avrebbero espresso il proprio consenso (art. 1446 cod.civ. ) nota2.

Questa norma disciplina solo una parte dei contratti c.d. plurilaterali, ossia quelli in cui v'è tra le parti convergenza di intenti (conseguimento di scopo comune nota3). Negli altri casi di contratti contrassegnati da più di due parti, in cui non vi sia comunanza dello scopo, la conseguenza del venir meno di un vincolo non può non implicare il venir meno dell'intero congegno negoziale nota4. Si pensi alla struttura dell'accollo trilatere o, più ordinariamente, alla divisione ovvero alla transazione nella quale vi siano più di due parti. Non può essere concepito un valido negozio divisionale quando dovesse cadere la partecipazione di uno dei condividenti.

Note

nota1

nota1

V. Messineo, Il contratto in genere, in Trattato dir. civ. e comm., diretto da Cicu e Messineo, Milano, 1973, p.627.
top1

nota2

Per questo motivo in dottrina si è soliti qualificare questa fattispecie annullabilità parziale soggettiva: cfr. Ferroni, Le nullità negoziali di diritto comune, speciali e virtuali, Milano, 1998, p.692; Gazzoni, Manuale di diritto privato, Napoli, 1996, p.937; Belvedere, La categoria contrattuale di cui agli artt. 1420, 1446, 1459 e 1466 c.c., in Riv. trim. dir. e proc. civ., 1971, p.660 e ss..
top2

nota3

Messineo, Annullabilità e annullamento (dir. priv.), in Enc. dir., II, 1958, p.475.
top3

nota4

nota4

Cfr. Maiorca, voce Contratto plurilaterale, in Enc. giur. Treccani, IX, 1989, p.2.
top4

 

Bibliografia

  • BELVEDERE, La categoria contrattuale di cui agli artt.1420, 1446, 1459, 1466, c.c., Riv. trim. dir. e proc. civ., 1971
  • FERRONI, Le nullità negoziali: di diritto comune, speciali e virtuali, Milano, 1998
  • GAZZONI, Manuale di diritto privato, Napoli, 2006
  • MESSINEO, Annullabilità e annullamento, Enc.dir., II, 1958
  • MESSINEO, Il contratto in genere, Milano, Tratt.dir.civ. dir. Cicu-Messineo , e continuato da Mengoni, vol. XV, 1972

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Annullabilità del contratto plurilaterale
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Annullabilità del contratto plurilaterale"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto