Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Ammissibilità e natura giuridica dei conguagli (divisione del testatore)



Non v'è dubbio che il testatore abbia la possibilità, in sede di distribuzione dei beni ex art. 734 cod.civ. , di disporre a favore di taluno ed a carico di altri tra i beneficiati a conguagli in denaro, analoga­mente a quanto prevede la legge in materia di divisione ordinaria (cfr. art. 728 cod.civ. ) nota1.

Ciò al fine di evitare le differenze di valore dei beni in natura assegnati che condurrebbero a ineguaglianze nell'attribuzione dei singoli assegni (Cass. Civ. Sez. II, 10306/96 ).

Si pensi che tanto il giudice quanto il notaio nell'ambito del procedimento divisionale hanno questo potere ex art. 728 cod.civ. .

In senso contrario all'ammissibilità dei conguagli si fa riferimento al fatto che il testatore verrebbe a disporre di beni non ereditari nota2. I conguagli infatti consistono in somme di denaro che devono essere erogate dai coeredi a valere sulle sostanze personali di ciascuno di coloro ai quali essi vengono posti a carico. Si tratta soltanto di mettere a fuoco la natura giuridica di queste disposizioni: secondo l'interpretazione prevalente esse avrebbero natura di legati con funzione divisoria (Cass. Civ. Sez. II, 5568/81 ) nota3.

Note

nota1

Si confrontino Bombarda, Osservazioni in tema di norme date dal testatore per la divisione, divisione fatta dal testatore e disposizione dei conguagli, in Giust. civ., vol. IV, 1975, p.129; Morelli, La comunione e la divisione ereditaria, in Giust. sist. civ. e comm., diretta da Bigiavi, Torino, 1986, p.258.
top1

nota2

V. Forchielli, Della divisione, in Comm. cod. civ., a cura di Scialoja-Branca, Bologna-Roma, 1978, p.205.
top2

nota3

Così, tra gli altri, Mengoni, La divisione testamentaria, Milano, 1950, p.129; Marinaro, in Cod. civ. annotato con la dottrina e la giurisprudenza, a cura di Perlingieri, vol. II, Torino, 1983, p.561.
top3

Bibliografia

  • BOMBARDA, Osservazioni in tema di norme date dal testatore per la divisione, divisione fatta dal testatore e disposizione dei conguagli, Giust. civ., t. II, 1975
  • FORCHIELLI, ANGELONI, Della divisione (Artt. 713-768), Bologna-Roma, Comm. cod. civ. a cura di Scialoja-Branca, vol. XXXVIII, 2000
  • MARINARO, Torino, Cod.civ.annotato a cura Perlingieri, II, 1983
  • MENGONI, La divisione testamentaria, Milano, 1950
  • MORELLI, La comunione e la divisione ereditaria, Torino, Giur.sist.civ.comm., 1986

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Ammissibilità e natura giuridica dei conguagli (divisione del testatore)
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Ammissibilità e natura giuridica dei conguagli (divisione del testatore)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto