Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Acquisto dell'eredità senza accettazione




L'acquisto della qualità di erede avviene ordinariamente (art.459 cod.civ.) in esito al compimento di un atto di accettazione espressa (art.475 cod.civ.) o tacita (art.476 cod.civ.) che, come tale, è variamente riconducibile alla condotta volontaria del chiamato. Vi sono peraltro alcuni casi in cui la legge collega a determinati fatti, in modo del tutto indipendente dalla volizione del chiamato ovvero da una di lui condotta cosciente e volontaria, la conseguenza dell'acquisto dell'eredità.

Si tratta del possesso dei beni ereditari (II e III comma art. 485 cod.civ. ), della sottrazione degli stessi (art. 527 cod.civ.), dell' acquisto da parte dello Stato (art. 586 cod.civ.).

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Acquisto dell'eredità senza accettazione
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Acquisto dell'eredità senza accettazione"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto