Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Accessione e comunione legale tra i coniugi



Particolari difficoltà interpretative ha creato il caso, non infrequente, in cui su un terreno di proprietà esclusiva di uno solo di due coniugi, entrambi, a spese comuni, provvedano ad edificarvi un fabbricato. Il bene immobile così realizzato apparterrà a tutti e due ovvero soltanto al titolare del suolo (salvo il diritto di credito dell'altro coniuge)?

Si sono fronteggiate a tal proposito due tesi: secondo una prima opinione nota1 qualsiasi acquisto effettuato da ciascuno dei coniugi in regime di comunione legale dei beni (con le eccezioni di cui all'art. 178 e 179 cod. civ.) non potrebbe essere sottratto alla comunione, la quale si porrebbe come regola prevalente rispetto al principio di accessione, posto fuori gioco dalla presenza di una disciplina specifica degli acquisti (Cass. Civ. Sez. II, 3853/93 ). Si rammenta il modo di disporre dell'art. 177 lettera a) e b) cod.civ., il quale non porta nessuna esclusione.

Si è tuttavia ribattuto nota2 che il principio di accessione, in base al quale superficies solo cedit, esplica un'efficacia che non può non prevalere logicamente su qualsiasi altra regola disciplinante gli acquisti effettuati dai coniugi (Cass. Civ. Sez. I, 6622/91 ; Cass. Civ. Sez. I, 3141/92 ; Cass. Civ. Sez. II, 1921/93 ; Cass. Civ. Sez. I, 4716/99 ).

In giurisprudenza il conflitto è stato infine risolto dalle Sezioni Unite della Cassazione (Cass. Civ. Sez. Unite, 651/96), la quale ha, da un lato, ribadito la prevalente operatività dell'accessione, dall'altro, messo a fuoco che la tutela del coniuge non proprietario viene accordata sotto il profilo obbligatorio, con il riconoscimento di un diritto di credito relativo alla metà del valore dei materiali e della manodopera impiegati nella costruzione nota3. Il relativo credito non soggiace al principio nominalistico (Cass. Civ., Sez. II, 13603/2013).

Questa linea interpretativa è stata in seguito fedelmente seguita (Cass. Civ. Sez. I, 4076/98 ; Cass. Civ. Sez. II, 8585/99 ; Cass. Civ. Sez. I, 7060/04 ; cfr. anche Cass. Civ. Sez. II, 8662/08 in riferimento al caso in cui tra i coniugi fosse stata espressa opzione, ai sensi dell'art. 228 L. 151/75, per la ricomprensione nella comunione legale dei beni acquistati prima dell'entrata in vigore della predetta legge, tuttavia comunque dopo il matrimonio) nota4.
Occorrerà evidentemente dare puntuale prova della provenienza dei denari che siano stati impiegati per l'effettuazione delle opere (Corte d'Appello di Roma, 5 ottobre 2011).

Note

nota1

Così Bianca, Diritto civile, vol. II, Milano, 1985, p. 73; A. Finocchiaro, M. Finocchiaro, Riforma del diritto di famiglia, vol. III, Milano, 1979, p. 433.
top1

nota2

Si vedano Cian, Villani, La comunione dei beni tra coniugi, in Riv. dir. civ., vol. I, 1980, p. 390; Di Transo, Comunione legale tra coniugi e acquisto per accessione, in Vita not., 1978, p. 1269; Auletta , Gli acquisti a titolo originario nella comunione legale, Catania, 1984, p. 30.
top2

nota3

Auciello, Badiali, Iodice, Mazzeo, La volontaria giurisdizione e il regime patrimoniale della famiglia, Milano, 2000, pp. 424 e ss., sottolineano come sia fondamentale contemperare due opposte esigenze: quella di non sottrarre alla comunione investimenti che, se eseguiti con altre modalità, esplicherebbero i propri effetti attivi incrementandola e quella di non depauperare il patrimonio individuale al di là della misura prevista dalla legge. Nel caso specifico in cui uno dei coniugi abbia usato denaro personale per l'acquisto di materiale da utilizzarsi per la costruzione di un edificio che gli appartiene per accessione, sorgerà l'esigenza della ricostituzione della consistenza patrimoniale della comunione legale nella quale ricadevano i detti materiali, ciò che potrà avvenire in esito al pagamento dell'equivalente in denaro.
top3

nota4

In dottrina in tal senso si veda, tra gli altri, Gazzoni, Manuale di diritto privato, Napoli, 1996, p. 365.
top4

Bibliografia

  • AUCIELLO - BADIALI - IODICE - MAZZEO, La volontaria giurisdizione e il regime patrimoniale della famiglia: manuale e applicazioni pratiche delle lezioni di Guido Capozzi, Milano, 2000
  • AULETTA, Gli acquisti a titolo originario nella comunione legale, Milano, La comunione legale a cura di Bianca, 1989
  • BIANCA, Diritto civile, Milano, III, 1985
  • CIAN-VILLANI, La comunione dei beni tra coniugi, N.sso Dig. it., 1981
  • DI TRANSO, Comunione legale tra coniugi e acquisto per accessione, Vita Not., 1978
  • FINOCCHIARO, Riforma del diritto di famiglia, Milano, III, 1979
  • GAZZONI, Manuale di diritto privato, Napoli, 2006

News collegate

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Accessione e comunione legale tra i coniugi
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Accessione e comunione legale tra i coniugi"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto