Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Insussistenza di poteri rappresentativi e apparenza colposa: facoltà del terzo contraente ex art. 1393 cod.civ. di domandare l'esibizione della procura. (Cass. Civ., Sez. III, sent. n. 9328 dell’8 maggio 2015)

In tema di rappresentanza, possono essere invocati i principi dell'apparenza del diritto e dell'affidamento incolpevole allorché non solo vi sia la buona fede del terzo che ha stipulato con il falso rappresentante, ma ricorra anche un comportamento colposo del rappresentato, tale da ingenerare nello stesso terzo la ragionevole convinzione che il potere di rappresentanza sia stato effettivamente e validamente conferito al rappresentante apparente.
In tema di rappresentanza apparente, il terzo contraente ha soltanto la facoltà, e non anche l'obbligo, di controllare, a mente dell'art. 1393 c.c., se colui che si qualifichi rappresentante sia in realtà tale, sicché non basta il semplice comportamento omissivo del medesimo terzo per costituirlo in colpa nel caso di abuso della procura (o di mancanza della stessa), occorrendo, per converso, ai fini dell'affermazione che egli abbia agito senza la dovuta diligenza, il concorso di altri elementi.

Commento

(di Daniele Minussi)
La pronunzia si riannoda ad un cospicuo e ormai non certo più recente orientamento giurisprudenziale che rinviene nella c.d. "apparenza colposa" una situazione tale da consentire la produzione di un'imputazione di secondo grado dell'azione giuridica altrui ad un soggetto pure in difetto del conferimento da parte di costui di poteri rappresentativi. Lo snodo cruciale è costituito dal sindacato della condotta colposa del soggetto il cui nome viene speso dal falsus procurator. Il soggetto rappresentato deve infatti aver tenuto un comportamento tale da aver ingenerato nel terzo contraente il convincimento incolpevole dell'esistenza dei poteri di rappresentanza in concreto non esistenti. V'è di più: la colpevole condotta del soggetto falsamente rappresentato deve aver fondato nel detto terzo l'incolpevole errore circa la sussistenza del potere rappresentativo.

Aggiungi un commento