Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Copia in carta "carbone" del testamento olografo? No grazie: soltanto l'originale è valido, non possedendo la copia (prescindendo la tecnica con la quale viene ricavata) i requisiti dell’olografia. (Cass. Civ., Sez. II, sent. n. 10171 del 18 maggio 2015)

La validità del testamento olografo esige, ai sensi dell'art. 602 c.c., l'autografia della sottoscrizione, nonché della data e del testo del documento, prescrizioni che hanno la finalità di soddisfare l'imprescindibile esigenza di avere l'assoluta certezza della riferibilità al testatore e dell'inequivocabile paternità e responsabilità del medesimo. Qualora non venga prodotto l'originale del testamento, ma una copia di esso, è giustificata la presunzione che il de cuius lo abbia revocato distruggendolo deliberatamente, con la conseguenza che la parte che intenda ricostruire mediante prove testimoniali, a norma dell'art. 2724 c.c., n. 3, e art. 2725 c.c., un testamento di cui si assuma la perdita incolpevole per smarrimento o per distruzione, deve fornire la prova dell'esistenza del documento al momento dell'apertura della successione.
Soltanto nel documento originale possono individuarsi quegli elementi la cui peculiarità o addirittura singolarità consente di risalire, con elevato grado di probabilità, al reale autore della sottoscrizione in relazione alla conosciuta specificità del profilo calligrafico, degli strumenti di scrittura abitualmente usati, delle stesse caratteristiche psico-fisiche del soggetto rappresentati dalla firma.
Risulta inattendibile un esame grafico condotto su di una copia fotostatica, essendo questa inidonea a rendere percepibili segni grafici personalizzati ed oggettivi e un maggior grado di affidabilità non è attribuibile alla copia in carta carbone, che rimane soggetta alle molte variabili proprie di una copia, del supporto utilizzato, dell'effetto che il tipo di strumento usato per scrivere può avere nell'incidere la carta sottoposta al foglio di carta carbone.

Commento

(di Daniele Minussi)
Assolutamente impeccabile il percorso logico della S.C.: se non si rinviene più l'originale della scheda olografa, delle due l'una. O si da prova dell'incolpevole perdita del detto documento (con il che si porrà poi il problema della prova del contenuto dello stesso) ovvero non si può ricavare con sicurezza la genuinità della scheda quando non addirittura presumere che le ultime volontà siano state revocate mediante distruzione dell'originale del testamento.

Aggiungi un commento